statuto

STATUTO

ART. 1) – IAED
E’ costituita una Associazione Scientifico-Culturale senza fine di lucro, che si denomina “ITALIAN ACADEMY OF ESTHETIC DENTISTRY” con sigla IAED, ovvero “ACCADEMIA ITALIANA DI ESTETICA DENTALE” con la medesima sigla IAED.
ART. 2) –Lingua
La lingua ufficiale dell’Accademia è l’Italiano. La seconda lingua è l’Inglese, poiché l’Accademia ha come fondamento l’internazionalità. La lingua parlata durante le sue riunioni può quindi essere indifferentemente l’Italiano o l’Inglese, per permettere ai Soci Attivi non Italiani di partecipare attivamente.
ART. 3) –Istituzione e Sede
Le attività sociali dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Estetica, IAED, sanciscono che l’Accademia non ha fini di lucro. La sua Sede Legale è Roma, quella Operativa coincide con quella del Presidente in carica.

ART. 4) –Scopi
L’IAED ha tra i suoi scopi preminenti:
? La promozione degli studi e delle ricerche sui vari aspetti o settori della Odontoiatria Estetica come veicolo per una migliore funzione e salute orale;
? La sensibilizzazione della popolazione sui problemi della salute orale;
? Il favorire e promuovere una migliore comprensione delle varie branche dell’Odontoiatria e delle Professioni affini al fine di incentivare il rispetto dell’etica professionale.
? La promozione della formazione degli addetti al settore: Medici, Odontoiatri, Igienisti, Tecnici di Laboratorio, Addetti alle Industrie;
? Lo sviluppo e la diffusione delle conoscenze relative l’Odontoiatria nei suoi vari aspetti e Specializzazioni. In tal senso l’Accademia promuove e favorisce anche le attività didattiche in tali settori in ambito Accademico e Scolastico;
? La promozione di collaborazioni e di scambi tra studiosi di Istituzioni operanti nel campo, sia Nazionali che Internazionali, nonché di rapporti interdisciplinari in settori di ricerca fondamentale e applicata.

ART. 5) –Attività
Per raggiungere gli scopi di cui sopra, la IAED può:
? organizzare convegni, riunioni o altre manifestazioni su argomenti di natura odontoiatrica ed estetica;
? raccogliere e diffondere informazioni relative all’anatomia, fisiologia e patologia odontoiatrica;
? mantenere collegamenti con altre Organizzazioni Scientifiche Nazionali e Internazionali e con Organi Tecnici Ministeriali e Territoriali (Regioni, Province, Comuni) o altri Enti, su problemi riguardanti la sanità del Cavo Orale.
? curare in proprio la pubblicazione di Periodici, Notiziari o altro tipo di Materiale Bibliografico, Iconografico e Documentario per diffondere notizie sociali e per ospitare articoli e scritti dei Soci e di Collaboratori Esterni:
? gestire finanziamenti ricevuti da Soggetti pubblici o privati per assegnare premi, medaglie o altri attestati di benemerenza, o conferire assegni di ricerca per incoraggiare o premiare particolari attività di carattere scientifico assunte nel campo dell’Odontoiatria.

ART. 6) – Congressi, Simposi e Riunioni Culturali Scientifiche
L’Accademia organizzerà un Congresso Annuale, in occasione del quale avverrà l’assemblea Generale dei Soci. Simposi, e Riunioni Culturali di vario genere potranno essere organizzate durante l’anno a discrezione e su decisione del Presidente e del Consiglio Direttivo. La creazione di Comitati incaricati nella
organizzazione e conduzione di tali Manìfestazioni Culturali è regolata dall’Appendice 7 del Regolamento.

ART. 7) – Atti e Verbali di Congressi, Simposi e Riunioni Culturali Scientifiche
Gli Atti e i Verbali dell’Accademia sono soggetti alle regole dello Statuto e del Regolamento, e sono preparati a cura del Presidente, e vengono presentati in occasione dell’Assemblea Generale per l’approvazione.

ART. 8) – Soci
Possono far parte dell’Accademia persone fisiche e soggetti giuridici qualificati che ne facciano domanda scritta, ne condividano lo spirito e gli ideali e ne accettino le finalità.
Per diventare Socio dell’Accademia bisogna possedere qualità di persona onorevole e di Professionista eccellente che ha contributo, in modo fattivo, alla Professione dell’Odontoiatria, con particolare attenzione al suo lato estetico, attraverso un percorso di studi accademici, ricerca e scrittura di letteratura consonante, nonchè per mezzo di attività clinica e didattica Universitaria ed extra-Universitaria.
Qualunque Professionista i cui requisiti cadono nella categoria descritta, può fare domanda di ammissione. I requisiti necessari per poter diventare Socio Ordinario sono rappresentati e descritti nella Appendice 1 del Regolamento. Le modalità di Ammissione sono descritte nell’Appendice 2 del Regolamento.
Tutti i Soci che in virtù della loro posizione come Soci Fondatori, Attivi, Ordinari devono pagare la loro iscrizione annuale, devono onorando in tempo tale pagamento per non incorrere nelle sanzioni rappresentate e descritte nella Appendice 3 del Regolamento.
Se un Socio non è più Membro dell’Accademia e ha perso il suo stato di Socio Attivo o Ordinario, egli può rientrare nell’Accademia solo con il consenso plenario del Consiglio Direttivo prima, e poi della metà dei Soci Attivi presenti in sala alla votazione per alzata di mano.

L’Accademia si compone di:
? Soci Fondatori IAED (persone fisiche), per i quali è prevista una quota annua associativa. Sono Soci Fondatori coloro i quali hanno sottoscritto l’atto Costitutivo e gli altri 14 che pur non avendo sottoscritto l’atto costitutivo hanno contribuito attivamente a che l’Accademia potesse svilupparsi e quindi sono Soci Fondatori i Dottori: Franco Brenna; Fabio Caine; Lino Calvani; Antonio Cerutti; Walter Devoto; Mauro Fradeani; Luigi Galasso; Francesco Mangani; Angelo Putignano; Marco Redemagni; Giano Ricci; Massimo Ronchin; Roberto Spreafico, Antonio Velo; Stefano Velo; Vasilios Kaitsas; Carlo Zappalà.

Possono acquisire, altresì, la qualifica di Soci Fondatori coloro i quali, per fondati meriti, l’Assemblea Generale dei Soci, con la maggioranza dei 2/3 degli stessi riconosca come tali.
? Soci Attivi IAED (persone fisiche), per i quali è prevista una quota annua associativa, sono quelle persone che hanno passato con successo le prove di ammissione all’Accademia come Associati, e che avendo partecipato ad almeno 3 Meeting Annuali, devono presentare una lezione di valutazione, durante una specifica sessione a porte chiuse davanti ad una Specifica Commissione incaricata di tale valutazione, che si riunisce durante il Meeting annuale, e che esprimerà alla fine con un voto, il giudizio favorevole o meno:
? Soci Associati IAED (persone fisiche), per i quali è prevista una quota annua associativa, sono quelle persone che sono stati presentati da due Membri Attivi i quali si assumono la responsabilità della loro sponsorizzazione, e che sono passati al vaglio della Commissione di Accettazione Soci con successo: Tali Soci Associati non possono votare in Assemblea.
? Soci Onorari IAED, (persone fisiche), nominati dal Consiglio Direttivo, con il voto favorevole dei 3/4 dei suoi componenti, tra studiosi italiani e stranieri, anche non membri della IAED, eminenti nell’ambito della Odontoiatria Estetica o che abbiano significativamente promosso il progresso scientifico o applicativo nel campo dell’Odontoiatria o che abbiano contribuito fattivamente alla vita e alla crescita dell’Accademia: I Soci Onorari non pagano quote associative e non possono votare, ma possono frequentare gratuitamente il Congresso Annuale e le attività didattiche e corsistiche dell’Accademia. Tali Membri dovranno pagare la loro partecipazione alle cene e alla vita sociale dell’Accademia.

? Soci a Vita IAED, categoria nella quale possono entrare tutti i Soci Attivi che hanno frequentato l’Accademia per un periodo di almeno 15 anni e hanno raggiunto l’età di 65 anni, oppure si sono ritirati dalla loro vita accademica e professionale e hanno superato i 65 anni, o sono stati Presidenti IAED e hanno superato i 65 anni di età. I Soci a Vita non pagano quote associative e possono votare, cosi come possono frequentare gratuitamente il Congresso Annuale e le attività didattiche e corsistiche dell’Accademia. Tali Membri dovranno pagare la loro partecipazione alle cene e alla vita sociale dell’Accademia.
? Soci Studenti IAED, (iscritti a Corsi Universitari, Scuole di Specializzazione e Dottorati di ricerca), per i quali possono essere previste quote associative ridotte, sono quelle persone che in possesso di un libretto universitario o documento di attestazione del loro corso di studi, chiedono il permesso di frequentare i Congressi e accedere alla vita sociale dell’Accademia. Il limite massimo di età per un Socio Studente sono i 30 anni. Tali Membri dovranno pagare la loro partecipazione alle cene e alla vita sociale dell’Accademia.

In Assemblea il diritto di voto spetta ai Soci Fondatori, ai Soci Attivi ed ai Soci a Vita.
In caso di parità, il voto del Presidente dell’Accademia è decisivo. I Soci che non possono partecipare alle votazioni possono dare una delega scritta di rappresentanza ad un altro Socio, e devono informare anticipatamente il Segretario/Tesoriere di tale eventualità prima dell’Assemblea Generale dei Soci.

Il numero dei Soci Attivi dell’Accademia è determinato dall’Assemblea nella quale il voto favorevole deve essere espresso da almeno i due terzi (2/3) dei presenti.
Attualmente il numero dei Soci Attivi è determinato nel massimo di 100 (Cento) soci Attivi.

Per diventare Socio dell’Accademia:
Ogni candidato dovrà essere presentato da almeno due Soci e la sua ammissione è subordinata all’esame della Commissione Soci, ed all’approvazione del Presidente e del Consiglio Direttivo.
La qualità di Socio è perduta per volontarie dimissioni o per mancato pagamento della quota associativa per due anni consecutivi. In questo secondo caso, la qualità di Socio può essere riacquisita mediante il semplice pagamento della quota associativa dell’anno in corso. Nel caso di dimissioni volontarie, la riammissione del Socio è subordinata alle regole e all’approvazione del Consiglio Direttivo ma non è richiesta la presentazione da parte di Soci.

ART. 9) – Quote Sociali
Le quote associative delle varie categorie sono fissate dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo. Il Socio moroso non può esercitare il diritto di voto.

ART. 10) – Organi della Società
Organi della Società sono Nove (9):
? Il Presidente:
? Il Presidente Eletto;
? Il Vicepresidente;
? Il Segretario Tesoriere;
? Il Consiglio Direttivo;
? Il Collegio dei Consiglieri;
? Il Collegio dei Revisori dei Conti:
? Il Collegio dei Probiviri:
? L’Assemblea Generale dei Soci.
Le Cariche Elettive dell’Accademia sono gratuite.
Il Presidente e i Consiglieri sono eletti dall’Assemblea Generale dei Soci per un biennio e non sono rieleggibili per la stessa qualifica per il biennio immediatamente successivo.
Le elezioni avvengono per scrutinio segreto, a maggioranza semplice.

ART. 11) – Presidente
Il Presidente rappresenta l’IAED. a tutti gli effetti, inclusi quelli legali.
Il Presidente dell’Accademia e, in caso di sua assenza o impedimento, il Vice-Presidente, rappresenta l’Accademia di fronte a terzi ed in giudizio.
Per risolvere questioni di particolare importanza, il Presidente potrà indire votazioni “ad referendum” tra tutti i Membri del Consiglio Direttivo o fra tutti i Soci con diritto di voto. Il Presidente diramerà a mezzo Posta Ordinaria o Elettronica una circolare contenente i quesiti proposti e le modalità mediante le quali esprimere il voto stesso. Saranno presi in considerazione i risultati che avranno ottenuto il voto della maggioranza dei Soci.
Il Presidente:
a- Presiede tutti i Meeting, in sua assenza le sue veci sono fatte dal Vice-Presidente,
b- Convoca e presiede le adunanze del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea:
c- Sottoscrive i verbali delle medesime adunanze, redatti dal Segretario;
d- Sottoscrive le lettere d’affari e i mandati di pagamento:
e- Amministra, servendosi della collaborazione del Segretario Generale/Tesoriere, il patrimonio e le rendite della Società, sottoponendo all’approvazione del Consiglio Direttivo ogni atto che non riguardi l’ordinario funzionamento della Società;
f- Egli non necessariamente deve occuparsi in prima persona delle Manifestazioni Culturali, ma può delegare un Responsabile Culturale della Manifestazione scelto nel Consiglio, e sovraintende il lavoro, essendo responsabile della buona riuscita della Manifestazione stessa.

ART. 12) – Presidente Eletto
Il Presidente Eletto, viene inizialmente indicato ogni due anni dal Consiglio, allo scadere del primo anno del mandato del Presidente, in occasione dell’Assemblea dei Soci con diritto di voto, contestualmente al Congresso Annuale dell’Accademia. Quindi durante la successiva Assemblea Generale dei Soci verrà votato e confermato o meno dalla stessa. Il suo nome viene reso pubblico alla fine del Congresso. Durante il suo mandato che durerà un anno, egli dovrà essere iniziato ai compiti della sua carica di Presidente, e se richiesto, dovrà collaborare con il Presidente in carica.

ART. 13) – Vice Presidente
Il Presidente designa tra i Consiglieri un Vice-Presidente, il quale sostituisce il Presidente nelle funzioni improrogabili per le quali egli sia temporaneamente impedito. In caso di dimissioni, d’impedimento permanente o di decesso del Presidente, il Vicepresidente lo sostituisce sino alla nomina del nuovo Presidente, che dovrà avvenire nel più breve tempo possibile e comunque non oltre tre mesi. Il Vicepresidente dura in carica quanto il Consiglio Direttivo.

ART. 14) – Segretario/Tesoriere
Il Segretario/Tesoriere è eletto dal Consiglio Direttivo su proposta del Presidente, collabora con il Presidente nell’attuazione dei deliberati degli organi sociali e ha il compito di:
a- stendere i verbali delle adunanze di Assemblea e del Consiglio Direttivo, che vengono firmati anche dal Presidente:
b- attendere alla gestione finanziaria, della quale è responsabile verso il Presidente e verso il Consiglio Direttivo;
c- predisporre e fornire tutti i dati e gli atti occorrenti per i bilanci preventivo e consuntivo,
d- provvedere alla corrispondenza d’ufficio.
e- AI Segretario Generale/Tesoriere è affidata anche la custodia dei verbali e di tutti gli atti sociali, compresi l’archivio e l’inventario dei beni dell’Accademia.
f- La durata del suo mandato è di due anni, e può essere rieletto.
g- In caso d’impedimento o di dimissioni del Segretario Generale/Tesoriere, il Presidente proporrà al Consiglio Direttivo un altro candidato.

ART. 15) – Consiglio Direttivo
Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, dal Presidente Eletto, e da cinque
Consiglieri tra i quali sono scelti il Vice Presidente e il Segretario/Tesoriere.
Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Accademia, ed è convocato dal Presidente almeno una volta l’anno e ogni qualvolta la maggioranza dei suoi componenti lo richieda.
Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per l’Amministrazione Ordinaria e Straordinaria dell’Accademia, essendo ad esso demandato tutto ciò che dal presente Statuto non è riservato in modo tassativo alle Assemblee.
Il Consiglio Direttivo entra in carica il 1° Gennaio dell’anno successivo alle elezioni e resta in carica per due anni solari consecutivamente al termine dei quali l’Assemblea dei Soci Attivi provvede a nuove elezioni.
Qualora un Membro del consiglio Direttivo non partecipi per tre (3) volte consecutive alle riunioni del consiglio stesso, senza adequata giustificazione, si considera dimissionario e si provvede a sostituirlo con una elezione suppletiva, nei termini indicati dal regolamento.
In caso di dimissioni, impedimento permanente o decesso di uno dei componenti il Consiglio, gli succede il Socio che nelle elezioni del Consiglio Direttivo era risultato primo dei non eletti. In caso di mancata adesione, il nuovo membro del Consiglio è cooptato dal Consiglio stesso. In ogni caso, egli rimane in carica sino alla decadenza del Consiglio.
Tutti i componenti del Consiglio Direttivo devono essere eletti dall’Assemblea dei Soci con diritto di voto e scelto fra gli stessi.
Il Consiglio Direttivo in carica, prima delle elezioni, provvede a compilare una lista di candidati per la carica di Presidente e per quella di Consigliere da inviare ai Soci per lavotazione. Questa lista comprenderà i nomi proposti dai Soci in sede assembleare o per iscritto al Consiglio Direttivo almeno trenta giorni prima dell’Assemblea.
Il Consiglio Direttivo dovrà accertare la disponibilità di coloro che sono stati in tal modo indicati.
Il Consiglio Direttivo indirizza l’attività dell’Accademia al perseguimento dello scopo sociale ed organizza un Congresso Annuale.

Al Consiglio Direttivo competono:
1. La Gestione della Società;
2. La redazione della Relazione Annuale, comprendente anche un Programma di Attività:
3. L’approvazione dei Bilanci Finanziari Preventivo e Consuntivo;
4. La delibera di rimborsi spese.
5. L’organizzazione di convegni, seminari, corsi e ogni altra iniziativa o manifestazione utile al raggiungimento degli scopi che l’Accademia si prefigge:
6. La formulazione di uno o più Regolamenti relativi alla gestione e alle attività dell’Accademia.
7. Coordina il lavoro delle Commissioni previste dal Regolamento.
8. Ratifica le proposte di Soci con diritto di voto che gli vengono proposte dalla Commissione Accettazione Soci.
9. Propone all’assemblea dei Soci la nomina dei Soci Onorari.
10. Valuta eventuali infrazioni da parte dei Soci e delibera sanzioni
Alle riunioni del Consiglio Direttivo possono prendere parte, per invito e solo per l’argomento in discussione, gli incaricato all’esame di specifici punti, posti all’ordine del giorno.
Per la realizzazione del Programma di Attività il Consiglio Direttivo può avvalersi anche di collaboratori Soci o non Soci.
Lo stesso Consiglio può proporre all’Assemblea la costituzione di Commissioni o Gruppi di lavoro.
Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di delegare al Presidente o a uno dei suoi Membri, tutte o parte delle attribuzioni che gli competono, limitatamente all’Amministrazione Ordinaria.
Il Presidente, previa autorizzazione del Consiglio Direttivo, può nominare Procuratori anche non-Soci per determinati Atti o Categorie di Atti.
Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni volta che il Presidente lo reputi necessario e quando ne sia fatta domanda da almeno tre (3) dei suoi Membri. La convocazione viene fatta dal Presidente con:
a- Avviso spedito ai Membri del Consiglio a mezzo lettera, consegnata all’Ufficio postale o a mano, almeno sette giorni (7) prima dell’adunanza,
b- oppure tramite Posta Elettronica osservando gli stessi tempi di spedizione.
c- In caso di particolare urgenza, la convocazione può essere fatta tramite Telegramma spedito almeno tre (3) giorni prima dell’adunanza.
La riunione del Consiglio Direttivo è valida se vi è la presenza effettiva della maggioranza dei suoi Consiglieri. Non sono ammesse deleghe.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza semplice dei presenti.
In caso di parità, prevale il voto del Presidente in carica.

ART. 16) – Collegio dei Consiglieri
Il Collegio dei Consiglieri, partecipa alla vita del Consiglio Direttivo dell’Accademia, e:
a- verifica la regolarità formale e sostanziale della contabilità,
b- esamina semestralmente il Resoconto di Cassa,
c- controlla le relazioni da allegare ai bilanci consuntivo e preventivo della Società, che il Segretario-Tesoriere presenta al Presidente e quest’ultimo, a sua volta, all’Assemblea.
d- Il Collegio dei Consiglieri è composto da tre membri dell’Accademia che vengono eletti tra i Soci Fondatori, Attivi e a Vita dall’Assemblea, e rimane in carica per un biennio. I suoi Membri, non sono rieleggibili per il biennio immediatamente successivo.

ART. 17) – Collegio dei Revisori dei Conti o Revisore Contabile
Il Collegio dei Revisori dei Conti o il Revisore Contabile, se nominato dall’Assemblea,verifica la regolarità formale e sostanziale della contabilità, esamina semestralmente il Resoconto di cassa e redige le relazioni da allegare ai bilanci consuntivo e preventivo dell’Accademia, che il Segretario-Tesoriere presenta al Presidente e quest’ultimo, a sua volta, al Consiglio Direttivo e successivamente all’Assemblea. Il Collegio dei Revisori è eletto dall’Assemblea, è costituito da tre membri effettivi e da due supplenti e rimane in carica per un triennio. I suoi membri possono rimanere in carica anche per due trienni successivi. E’ in facoltà dell’Assemblea che i compiti suddetti possano essere scritti da un Revisore contabile iscritto nel relativo Albo, nominato come sopra.

ART. 18) – Collegio dei Probiviri
Il Collegio dei Probiviri, è l’organo che assume il compito di risolvere eventuali controversie tra i Soci o fra Soci e Accademia, riguardanti il rapporto sociale di ammissione di nuovi Soci, la loro Esclusione, e il loro Recesso. Il Collegio dei Probiviri è composto da tre (3) Soci eletti dall’Assemblea Generale con maggioranza dei 2/3 dei votanti. Il mandato dei Probiviri è triennale, salvo dimissioni o revoca da parte dell’Assemblea Generale. I suoi Membri, possono rimanere in carica anche per due trienni. Le date d’inizio dei mandati di ciascun Proboviro sono sfasate di un anno. In caso di dimissioni di un Proboviro, nuove elezioni sono indette entro trenta giorni. Il Proboviro cosi eletto rimarrà in carica solo fino allo scadere del mandato del Proboviro dimissionario.

ART. 19) – Assemblea Generale dei Soci
L’Assemblea Generale dei Soci può essere Ordinaria o Straordinaria.
Convocazione dell’Assemblea Generale
1- L’Assemblea Generale si riunisce almeno una volta l’anno, in occasione del Congresso Annuale, per:
a- approvare i bilanci consuntivo e preventivo;
b- esaminare e discutere le eventuali modifiche di Regolamento, approvandole a maggioranza relativa dei votanti;
c- esaminare le relazioni di attività;
d- alla scadenza del mandato biennale, approvare o meno, le candidature proposte dal Consiglio Direttivo
La validità dell’Assemblea è assicurata dalla presenza di almeno il 5O% dei Soci con diritto di voto in prima convocazione e da almeno un terzo (1/3) dei Soci in seconda convocazione.
2- Le Assemblee Straordinarie possono essere indette, con uno specifico ordine del giorno, su richiesta dei Soci con diritto di voto nel numero non inferiore ad un quinto degli stessi.
Il “Quorum” delle votazioni è quello della maggioranza assoluta dei sopra indicati Soci.
I Soci possono farsi rappresentare alle Assemblee nel numero massimo di una delega per ogni Socio presente. Per la validità delle deliberazioni – con l’eccezione delle modifiche di Statuto – è sufficiente la maggioranza relativa dei votanti, incluse le deleghe.
Qualora almeno un terzo dei Soci presenti ne faccia richiesta, si procede con votazione a scrutinio segreto.
L’Assemblea è convocata nel luogo stabilito, di volte in volta dal Consiglio Direttivo. La data di convocazione e l’indicazione degli argomenti da trattare deve essere comunicata ai Soci a mezzo di lettera raccomandata o PEC inviata almeno trenta giorni prima della data fissata per la riunione.

ART. 20) – Periodici e Notiziari
L’Organo Ufficiale dell’Accademia è il periodico European Journal of Esthetic Dentistry, la cui gestione è attualmente dell’Editore Quintessenza Internazionale ed è disciplinata da un suo apposito regolamento.
L’Accademia ha un proprio Sito-Web gestito da uno o più Soci scelti tra i Soci Fondatori o tra i Soci Attivi che siano in regola con le specifiche richieste dall’Accademia.
L’Accademia ha inoltre una propria Pagina di Facebook gestita da uno o più Soci scelti tra i Soci Fondatori o tra i Soci Attivi che siano in regola con le specifiche richieste dall’Accademia.
Tramite il Sito sono diffuse le notizie, i programmi e le attività svolte o patrocinate dalla Accademia, e ove sia accessibile a tutti l’elenco dei Soci con i loro recapiti. Il dominio del Sito avrà come indirizzo intestatario quello dello Studio del Presidente di turno.

ART. 21) – Patrimonio
Il Patrimonio dell’Accademia risulta dal bilancio Consuntivo.
L’Accademia risponde di fronte a terzi solo con il proprio patrimonio. I Soci non possono chiedere la divisione del patrimonio, né pretendere alcuna quota in caso di recesso.
Le risorse economiche della Società sono costituite dalle quote dei Soci e da eventuali donazioni o lasciti nonché da contributi finanziari pubblici o privati, la cui accettazione è subordinata al parere favorevole del Consiglio Direttivo.
Fanno parte del patrimonio della Società eventuali beni mobili e immobili, consistenze librarie e le riserve dei periodici, monografie, atti di congressi o altre opere pubblicate dall’Accademia. L’Istituto Finanziario presso il quale risiede il conto bancario dell’Accademia può cambiare secondo le indicazioni del Presidente, previo accordo con il Consiglio Direttivo.
Allo scioglimento dell’Accademia il patrimonio residuo sarà destinato a fini di utilità sociale.

ART. 22) – Esercizio Sociale
L’esercizio sociale e l’anno finanziario decorrono dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio il Presidente, insieme al Consiglio Direttivo, redige il bilancio consuntivo e quello preventivo che dovranno essere presentati all’Assemblea per l’approvazione.

ART. 23) – Modifiche allo Statuto e al Regolamento.
Le eventuali modifiche del presente Statuto devono essere proposte dal Consiglio Direttivo all’approvazione dell’Assemblea dei Soci. Esse devono essere approvate da almeno i 2/3 dei Soci votanti in Assemblea, incluse le deleghe.
I Soci devono ricevere le proposte per le variazioni in forma scritta almeno 30 giorni prima della riunione per il loro esame.

ART. 24) – Condotta e Sanzioni
Morosità – I Soci morosi, che omettono di pagare la loro quota associativa, rischiano l’espulsione dall’Accademia, regola che sarà presentata al Consiglio Direttivo prima e poi votata all’Assemblea Generale dei Soci con votazione delle possibili misure legali da prendere.
Vita Accademica – Un Socio che non partecipa alla vita Accademica di più di due Congressi Annuali, viene espulso automaticamente dall’Accademia, con eccezione di particolari circostanze valutate dal Consiglio Direttivo riunito.
Condotta – Ogni Membro dell’Accademia che non mantenga una condotta onorevole all’interno della stessa, che si macchi di turpiloquio o di condotta disdicevole nei confronti dell’Istituzione stessa come dei suoi Membri, può essere soggetto a sanzioni valutate e stabilite dal Consiglio Direttivo, come Avvertimento; Censura; Sospensione Temporanea fino a essere Escluso ed Espulso dall’Accademia. Le denunce devono essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo deve, in ogni caso, invitare il socio deferito ad esporre le proprie ragioni personalmente o per iscritto. Il Consiglio delibera a maggioranza semplice, e la decisione, motivata per iscritto. Il Consiglio delibera sulla sanzione proposta e applica la sanzione deliberata comunicandola, con lettera raccomandata, al Socio interessato.
Uso improprio di materiale dell’IAED – I Soci che utilizzano impropriamente i Loghi, i Simboli e il Nome dell’Accademia a scopi commerciali e culturali, non facenti parte della vita culturale dell’Accademia stessa, verranno espulsi immediatamente dalla stessa senza preavviso. Solo il Presidente, o persona da lui delegata, può utilizzare tali simboli e scritte ufficiali per gli scopi dell’Accademia, e mai privati. Vedi Appendice 4 del Regolamento.

ART. 25) – Scioglimento
La durata dell’Accademia è illimitata.
Lo scioglimento dell’Accademia, per il quale occorre la maggioranza del 75% dei voti espressi a scrutinio segreto mediante schede inviate a tutti i Soci Attivi, è deliberato da un’Assemblea Straordinaria. L’eventuale patrimonio residuo sarà devoluto, per deliberazione dell’Assemblea, a Società, Istituzioni o Enti che perseguono scopi simili nel campo dell’Odontoiatria Estetica.

ART. 26) – Norme di Legge
Per quanto non previsto dal presente Statuto si farà riferimento alle leggi in materia di Associazione.

REGOLAMENTO

Appendice 1 – Titoli e qualifiche per l’ammissione a Socio

Per divenire Socio dell’IAED, come definiti nello Statuto, sono necessari i titoli e le qualifiche di seguito indicati per ciascuna categoria, con la procedura appresso indicata:
– Soci Fondatori:
I Soci Fondatori sono quelli indicato dall’Articolo 8 dello Statuto con la procedura in appresso indicata:
Le proposte di nomina a Socio sottoscritte da almeno due Soci, dovranno pervenire al Segretario-Tesoriere della Società e saranno esaminate dal Consiglio Direttivo nella riunione ordinaria successiva alla loro presentazione.
In caso di esito favorevole, la nomina sarà comunicata all’Assemblea in occasione della successiva riunione ordinaria, sarà valida dal momento dell’accettazione da parte del Consiglio Direttivo e sarà subordinata al pagamento della quota annua.

Appendice 2 – Regole per l’Ammissione a Socio
L’ammissione all’IAED è regolata, per ciascuna categoria di Soci, come segue:

SOCI ATTIVI
Per presentare domanda di ammissione per l’accettazione come Socio Attivo il candidato dovrà:
– Essere Socio Ordinario da almeno 1 (uno) anno;
– Inviare domanda di ammissione scritta al Presidente dell’Associazione presso la sede dell’Associazione e allegare il proprio Curriculum Scientifico/Culturale;
– Essere presentato da due Soci Attivi (Soci Presentatori), che saranno i suoi Tutor e lo seguiranno durante tutto l’iter per divenire Socio Attivo
– Accettare lo Statuto ed il Regolamento dell’ IAED, e possedere requisiti professionali per l’esercizio della professione e morali adeguati allo spirito dell’Accademia.
– La documentazione e i requisiti per l’ammissione saranno valutati dalla Commissione Accettazione Soci Attivi, il cui giudizio dovrà essere ratificato dal Consiglio Direttivo: l’esito dovrà essere comunicato al candidato e, in caso fosse negativo, sarà corredato da una motivazione scritta che specifichi i motivi del diniego.
– La Commissione Accettazione Soci ha la facoltà di richiedere ai candidati ulteriori prove o chiarimenti a convalida dei requisiti per l’accettazione e i candidati potranno essere invitati a discutere personalmente la documentazione proposta di fronte alla Commissione stessa.
– Ad accettazione avvenuta il Presidente convaliderà la stessa dandone comunicazione scritta all’associato tramite Posta Ordinaria o Email Certificata.
– Il nuovo Socio Attivo, una volta adeguata la quota associativa, se necessario, entro trenta (30) giorni, avrà accesso a tutti i privilegi associativi dello status di Socio Attivo.
– In caso di parere negativo il candidato potrà ripresentare la domanda l’anno successivo.
Possono inoltre essere accettati come Soci Attivi, con le medesime modalità di cui innanzi, coloro che dimostrano di svolgere attività di ricerca in campo estetico medico, odontoiatrico ed odontotecnico, che abbiano presentato per l’Accademia nel corso di un Congresso o di una manifestazione organizzati dall’IAED i risultati della ricerca.
In questo caso sia l’attività professionale che la produzione scientifica dell’interessato dovranno essere valutate dalla commissione accettazione e solo dopo che la commissione avrà espresso parere positivo il Consiglio Direttivo convaliderà l’ammissione allo status di Socio Attivo.
“Procedura per diventare Socio Attivo”
Per diventare Socio Attivo, il candidato dovrà attenersi a una delle seguenti modalità:
1- Il candidato dovrà far pervenire alla sede dell’Accademia la documentazione relativa ad almeno tre casi di Odontoiatria Estetica personalmente trattati.
2- I tre casi preferibilmente devono avere diverso orientamento terapeutico estetico per dare alla Commissione più compiuta valutazione.
3- Il Socio Ordinario che intende diventare Socio Attivo dovrà presentare la domanda di ammissione alla Segreteria dell’Accademia Italiana di Odontoiatra Estetica, corrispondente all’indirizzo del Presidente in carica.
La domanda dovrà comprendere:
1- Due lettere di presentazione scritta da parte di due Soci Attivi, che oltre a visionare la documentazione iconografica si rendano garanti delle qualità deontologiche e professionali del Candidato.
2- Documentazione di tre Casi Clinici di valenza estetica, personalmente trattati. Il Candidato dovrà dimostrare la sua capacità nel trattare Casi di riabilitazioni singole e\o complesse sia di pertinenza di una sola disciplina odontoiatrica, ad esempio Conservativa, Parodontologia, Ortodonzia, Protesi, etc., oppure Casi che prevedano trattamenti multidisciplinari, indicando in questo caso il ruolo da lui svolto nell’esecuzione del trattamento.
3- I casi dovranno essere presentati secondo il seguente schema:
a- Anamnesi Medica,
b- Anamnesi Orale e Dentale,
c- Esame Orale e Dentale,
d- Documentazione Radiografica del caso:
1) Iniziale,
2) Finale,
3) Controllo ad un anno dalla fine del trattamento. Sono ammessi Esami
Radiografici eseguiti sia con il sistema tradizionale analogico che digitale.
Radiografie richieste:
a- Bite-Wings per i settori posteriori,
b- Radiografie Apicali per i settori anteriori e per i posteriori per evidenziare o scongiurare una possibile presenza di problemi endodontici, parodontali, da trauma, etc,
c- Diagnosi,
d- Prognosi,
e- Piano di trattamento,
Documentazione fotografica del caso con descrizione dettagliata delle varie fasi del trattamento.
Foto richieste:
A- Foto Iniziali del Caso:
a- Foto Extraorali:
1- Frontale a riposo,
2- Frontale con sorriso,
3- Laterale a riposo,
4- Laterale con sorriso,
b- Foto Intraorali:
1- Occlusale superiore e inferiore,
2- 1 Frontale in MIP,
3- 1 Frontale in Protrusiva,
4- 1 Frontale col sorriso,
5- 2 MIP Laterali Dx e Sn,
6- 1 Laterale Lavorante Dx,
7- 1 Laterale Lavorante Sn,
8- 1 Laterale Bilanciante Dx,
9- 1 Laterale Bilanciante Sn,
c- Foto con Particolare del settore o dei settori da trattare.
B- Foto Intraoperative del caso:
1- con i vari passaggi tecnici e clinici che possano spiegare e giustificare le varie tecniche, e le fasi operative cliniche e di laboratorio.
C- Foto Finali del Caso:
d- Foto Extraorali:
1- Frontale a riposo,
2- Frontale con sorriso,
3- Laterale a riposo,
4- Laterale con sorriso,
e- Foto Intraorali:
1- Occlusale superiore e inferiore,
2- 1 Frontale in MIP,
3- 1 Frontale Protrusiva,
4- 1 Frontale col sorriso,
5- 2 MIP Laterali Dx e Sn,
6- 1 Laterale Lavorante Dx,
7- 1 Laterale Lavorante Sn,
8- 1 Laterale Bilanciante Dx,
9- 1 Laterale Bilanciante Sn,
f- Foto con Particolare del settore o dei settori trattati.
Modalità e Finalità per la costruzione dei casi clinici da presentare:
a- I 2 Soci Presentatori dovranno essere garanti e ritenersi responsabili dell’autenticità del materiale iconografico presentato dal candidato.
b- La documentazione fotografica dei casi dovrà essere presentata con il sistema digitale
c- La documentazione digitale dovrà essere contenuta in un file di presentazione in triplice copia. Le immagini devono essere prive di animazione e sovrapposizione e in numero massimo di 4 per ogni diapositiva.
d- Ogni file contenente le immagini dovrà essere accompagnato da una cartella nella quale saranno archiviati i file originali delle immagini
cliniche e radiografiche,
e- La documentazione descrittiva di ogni singola fase dovrà essere presentata su fogli dattiloscritti numerati progressivamente, non più di 5 pagine, per cinque copie.
f- Il numero delle immagini di ciascuno dei tre casi presentati non dovrà superare complessivamente il numero di 30.
g- Le foto devono essere ben definite e con adeguato ingrandimento.
h- Esame stomatologico finale:
1- Considerazioni sui risultati clinici ottenuti,
2- Finale che evidenzi una corretta integrazione dei restauri con i tessuti marginali.
3- Valutazione a distanza del caso clinico con foto e radiografie dopo almeno 12 mesi dalla fine del trattamento.
Attenzione!
– E’ obbligatorio integrare la presentazione con un’autocertificazione che attesti che la documentazione presentata non è stata contraffatta.
– La presentazione dei casi davanti alla Commissione Esaminatrice avverrà sempre in occasione del Congresso Annuale in una sessione appositamente istruita.
– Il Socio Candidato sarà contattato anticipatamente per essere istruito in merito alla sede nell’ambito del Congresso ove si svolgerà la presentazione, e l’orario di convocazione.

SOCI ORDINARI
Per diventare Socio Ordinario il candidato dovrà:
1- Inviare la Domanda di Ammissione scritta al Presidente dell’Accademia presso la sede dell’Associazione, o tramite PEC (Email Certificata), allegando il proprio Curriculum Scientifico/Culturale.
2- Accettare lo Statuto e il Regolamento dell’IAED,
3- Possedere i requisiti professionali e morali adeguati allo spirito dell’Accademia.
4- Iscriversi al Congresso Annuale.
5- Accettare lo Statuto e il Regolamento dell’IAED e possedere requisiti professionali e morali adeguati allo spirito dell’Accademia.
Le domande saranno valutate dalla Commissione Accettazione Soci, e solo dopo essere state da Quella accettate, saranno poste in votazione nel corso della prima Assemblea Generale dei Soci, nella quale avranno diritto di voto soltanto i Soci Attivi.

SOCI ONORARI
La qualifica è deliberata dall’Assemblea dei Soci Attivi su proposta del Consiglio Direttivo. Non si potranno ammettere all’Associazione più di due soci Onorari nel corso di ogni mandato.

Appendice 3 – Pagamento Quote.
La quota sociale deve essere versata dai Soci al Segretario-Tesoriere entro il primo quadrimestre di ogni anno.
Il mancato pagamento della quota associativa, entro i termini stabiliti dal regolamento, porta ad un richiamo del Socio che ha due mesi di tempo per pagare la quota mancante, poi all’espulsione dall’Accademia, richiesta del Segretario Tesoriere che sarà presentata al Consiglio Direttivo prima e poi votata all’Assemblea Generale dei Soci, con valutazione e votazione delle possibili misure legali da prendere.

Appendice 4 – Uso del Materiale Rappresentativo dell’Accademia
Il Logo, il Nome, le Immagini e i Simboli creati per rappresentare l’Accademia, in nessun modo e in nessuna occasione, potranno essere usati sia dai Soci come pure da altri individui non collegati all’Accademia IAED a scopo pubblicitario o per iniziative culturali e/o commerciali personali del Socio che non siano direttamente associate alla vita dell’Accademia, pena l’espulsione immediata dall’Accademia senza preavviso e l’uso di azioni legali appropriate. Gli unici Loghi autorizzati saranno quelli creati per i soli Soci Attivi, che potranno essere usati nella foto iniziale e finale di loro Lezioni, Corsi, o come firma di appartenenza Attiva all’IAED su loro Emails o lettere equivalenti. Tale utilizzazione è concessa solo al Socio che è in regola con il pagamento delle quote annuali e non in corso di sanzioni disciplinari.
Il Presidente, o i Soci da lui incaricati nello svolgimento delle mansioni relative la vita dell’accademia stessa, possono avere la prerogativa di usare tali immagini, insegne e nomi per tutti i vari tipi di corrispondenza legati agli scopi dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Estetica altrimenti detta Italian Academy of Esthetic Dentistry, e solo durante il loro mandato.

Appendice 5 – Convocazione del Consiglio Direttivo
La convocazione del Consiglio Direttivo avviene con le modalità previste dall’art.15 dello Statuto.

Appendice 6 – Convocazione dell’Assemblea Generale
La convocazione dell’Assemblea Generale avviene con le modalità previste dall’Art. 19 dello Statuto.

Appendice 7 – Comitati e Gruppi di Lavoro
I Comitati e i Gruppi di Lavoro organizzati per argomenti d’interesse scientifico sono costituiti in base ad un programma di attività programmato dal Consiglio Direttivo e i risultati vengono sottoposti dal Consiglio Direttivo all’approvazione dell’Assemblea.
I Gruppi di Lavoro presentano annualmente, in occasione del Congresso Annuale, nel quale i Gruppi di Lavoro presentano una breve relazione sull’attività svolta e sugli obiettivi raggiunti.

Appendice 8 – Le Commissioni
Le Commissioni su temi specifici possono essere nominate dal Presidente d’accordo con il Consiglio Direttivo.
Sono previste le seguenti Commissioni:
1- Commissione per l’Accettazione Soci Attivi;
2- Commissione per l’Attività Scientifica;
3- Commissione per i Rapporti con l’Università e altre Associazioni, Enti, Istituzioni e Sindacati.
Il Presidente insieme al Consiglio Direttivo ha la facoltà di costituire ed insediare altre Commissioni di Lavoro, i membri delle quali saranno scelti fra i Soci dell’Associazione.
Ciascun Socio Attivo può indicare al Consiglio Direttivo dei nominativi per la composizione delle Commissioni.
Il Consiglio Direttivo, tenuto conto delle indicazioni e sentiti gli interessati, conferma i Candidati, e insedia le commissioni.
Ogni Commissione avrà un Coordinatore che si relazionerà con il Presidente ed il Consiglio Direttivo sull’attività svolta.

COMMISSIONE ACCETTAZIONE SOCI ATTIVI
La Commissione Accettazione Soci Attivi é composta di cinque Soci Attivi, che sono nominati dal Presidente e dal Consiglio Direttivo.
Essi restano in carica per tre anni e sono rieleggibili.
I Membri eletti indicheranno al Consiglio Direttivo entro 15 giorni dalla nomina il Coordinatore della Commissione.
La Commissione deve stabilire l’idoneità del candidato a diventare Socio Attivo secondo le modalità fissate dall’Appendice 2 del presente Regolamento.

COMMISSIONE PER L’ATTIVITÀ SCIENTIFICA
La Commissione è composta di cinque Soci Attivi che sono nominati dal Presidente e dal Consiglio Direttivo; restano in carica per tre anni e sono rieleggibili.
I Membri eletti indicheranno al Consiglio Direttivo entro 15 giorni dalla nomina il Coordinatore della Commissione.
La Commissione coadiuva il Presidente e il Consiglio Direttivo nell’organizzazione e selezione delle Attività Culturali e di Ricerca dell’Accademia; si occupa dell’eventuale
pubblicazione degli Atti del Congresso Annuale e di quant’altro gli sarà indicato dal Presidente e dal Consiglio Direttivo per arricchire la vita culturale dell’Associazione stessa.
COMMISSIONE PER I RAPPORTI CON L’UNIVERSITA’ E ALTRE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E SINDACATI
La Commissione è composta di cinque Soci Attivi che sono nominati dal Presidente e dal Consiglio Direttivo; restano in carica per tre anni e sono rieleggibili.
I membri eletti indicheranno al Consiglio Direttivo entro 15 giorni dalla elezione il Coordinatore della Commissione.
La Commissione coadiuva il Consiglio Direttivo nei rapporti con l’Università, qualsiasi Associazione, Ente, Istituzione o Sindacato che possa risultare utile per il raggiungimento dello scopo sociale.
Il Consiglio Direttivo può, nel caso, avocare a se una o più commissioni.

Appendice 9 – Elezioni del Presidente e dei Consiglieri
Per procedere all’elezione del Presidente e dei Consiglieri, il Presidente e il Consiglio Direttivo in carica indicono con almeno trenta (30) giorni di anticipo l’Assemblea Generale nella quale vengono proposte o comunicate le candidature.

Le liste dei candidati alle cariche di Presidente e di Consigliere saranno comunicate a tutti i soci almeno 30 gg prima della data di inizio delle votazioni.
I candidati alla carica di Presidente non possono essere votati per quella di Consigliere e viceversa.
Hanno diritto al voto i Soci Attivi iscritti da almeno due anni.
Ciascun Socio Attivo dispone di un solo voto.
Le candidature sono libere ed i Soci Attivi potranno indicare sulla scheda di votazione un solo nominativo per ciascuna carica.
La votazione avverrà a scrutinio segreto su una scheda loro fornita dal Segretario e Tesoriere.
Saranno eletti i candidati di ciascuna lista che avranno ottenuto il maggior numero di voti.
In caso di parità risulterà eletto il candidato con maggiore anzianità di Accademia e, subordinatamente, di età.
Al fine della determinazione dell’anzianità di associazione fa testo la data della prima iscrizione all’Accademia.